All for Joomla All for Webmasters
gruppo_pontecorvo

Giovedì 24 novembre 2016, dopo la proiezione della versione cinema della miniserie televisiva di RAI Fiction “Lampedusa, dall’orizzonte in poi”, prodotta da Nicola e Marco De Angelis per Fabula Pictures ed interpretata da Claudio Amendola, Carolina Crescentini, il regista Marco Pontecorvo nell’ambito delle “Lezioni Eccellenti” si è intrattenuto con gli studenti soffermandosi in particolare sul rapporto tra realtà documentaria e finzione cinematografica; sulla diversità di linguaggio tra cinema e televisione e sulla necessità di adeguare il proprio stile e le proprie esigenze d’autore ad un pubblico vasto ed indifferenziato come quello dei canali televisivi generalisti.

marco pontecorvo

Marco Pontecorvo, figlio del regista Gillo Pontecorvo, uno dei più eminenti cineasti italiani, autore, tra gli altri, de La battaglia d’Algeri, esordisce nel cinema come direttore della fotografia nel 1997 con il film In barca a vela contromano (Stefano Reali). Nel medesimo anno porta a termine la fotografia de La tregua (Francesco Rosi) a seguito della morte sul set del direttore della fotografia Pasqualino De Santis. Tra i suoi lavori più celebri si possono citare Eros (Michelangelo Antonioni), Roma (serie tv), L’ultima legione (Doug Lefler), Letters to Juliet (Gary Winick), e Il Trono di Spade (serie tv).

Lavora come regista dal 2008. Il suo primo lavoro Pa-ra-da ha ricevuto numerose importanti nomination, fra cui il Nastro d’argento al miglior regista esordiente e il David di Donatello per il miglior regista esordiente, vincendo il Pasinetti Award alla 65ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia[1] e il Premio Francesco Laudadio per la miglior opera prima al Bif&st 2009 di Bari.

0

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyright @ Ateneo del Cinema 2016